Recensione Fumetto: The Leaderboard

Oggi parliamo di Manga seppur con uno stile molto più vicino all’occidentale, il fumetto che prendiamo in questione è niente meno che The Leaderboard di Chemello Furini e Gamba, quest’ultimo nello specifico è il disegnatore dell’opera stessa.

Recensione Fumetto: The Leaderboard

Possiamo classificare questo fumetto come genere moderno fantasy, con qualche accenno di gore se vogliamo nei combattimenti, una scritta sul retro del volume ci avverte che potrebbe essere una lettura consigliata ai maggiori di tredici anni. Andiamo ora ad analizzare brevemente la trama di questo primo volume del Dayjob Studio.

Recensione Fumetto: The Leaderboard
Recensione Fumetto: The Leaderboard

In un mondo contemporaneo al nostro, almeno per tecnologia e livelli informatici comunicativi fanno la loro comparsa nelle numerose città presenti svariate tipologie di mostri dagli aspetti più vari e fantasiosi. Unico baluardo della razza umana contro le creature selvagge sono gli Hunter, dei cacciatori proprio come dice il nome stesso, dei combattenti dotati delle più svariate armi e tecniche che con impeto affrontano tutti i pericoli che questa ambientazione offre. Non sono comunque soli e non vivono le loro vite nell’anonimato, proprio attorno a questo ruotano le vicissitudini di The Leaderbord, Questo è il titolo del fumetto, ma anche del programma web più famoso del momento, dove in diretta le gesta delle nuove star del momento vengono visionate da milioni di fan e i loro video votati costantemente appunto per raggiungere le vette di questa classifica.

Recensione Fumetto: The Leaderboard
Recensione Fumetto: The Leaderboard

Sean e Todd sono due inseparabili amici, non molto portati nello studio ma con la strepitosa capacità di ficcarsi nei guai costantemente. Sean ha un sogno divenire il migliore di tutti gli Hunter il più forte di tutti. Non spoilero altro della trama.

La storia è semplice e gradevole, scorre fluida e non annoia mai, si tende a prestare attenzione anche alle scene all’apparenza meno intense, ci si affeziona subito ai due personaggi e le loro espressioni rimangono immediatamente stampate nella nostra mente. Gli Hunter che si vedono in questo primo capitolo sono ben caratterizzati e di alcuni di loro ci vengono mostrate anche le varie tecniche di combattimento, qui la delicatezza del fumetto viene meno e ci viene servita una seppur giustificata violenza che esalta il pubblico, un mondo crudo di talk show dove la vita e la morte sono contornate da risate e applausi, quasi fosse una denuncia ad una società vagamente marcia.

Numerose gag e situazioni più o meno comiche ci distolgono dall’evoluzione principale della trama che tende la mano ad un’opera che sicuramente promette combattimenti e azione incessante. Ci troviamo di fronte ad un lavoro quello del D studio che di sicuro rivaleggia con le molte opere in commercio e che non ha nulla da invidiare a lavori di grandi mostri sacri del fumetto nipponico, il tratto è sicuro, ma non austero le espressioni comiche come la tradizione umoristica dei manga impone, i mostri sfumati e dal tratto sporco che diciamolo rende maledettamente bene.

Recensione Fumetto: The Leaderboard
Recensione Fumetto: The Leaderboard

La copertina è di Andrea Dotta e a noi piace molto, così come i disegni di Riccardo Gamba che si sposano perfettamente con  un opera mangheggiante ma non troppo, il formato dell’opera è chiaramente manga tradizionale, lo definirei un tascabile ed è interamente in bianco e nero, alla fine del volume troviamo vari sketch dei personaggi, tutto questo a soli 4,50 euro che non spaventa ma incoraggia ulteriormente all’acquisto i futuri lettori.

Recensione Fumetto: The Leaderboard
Recensione Fumetto: The Leaderboard

In conclusione mi sento di consigliarlo a tutti, è una lettura spensierata e divertente con una trama aperta che propone spunti differenti e numerosi per il proseguire della storia, seguiremo ancora le vicende del Dayjobstudio e non vediamo l’ora di leggere il seguito.

Per la nostra copia siamo stati omaggiato di un paio di dediche dal maestro R. Gamba una cartacea esclusiva per la nostra Raffy Chan ed una esilarante dedicata ai Cippi and Friend, dove Riccardo sviscera palesemente il suo amore per il nostro personaggio C13161507_10209190908879419_1022625325_oippi Pio.13170067_10209190908319405_300844006_o

Per acquistare il fumetto vi basta [cliccare qui]

Per seguire il webcomic via facebook [cliccare qui]

Un abbraccione ai ragazzi del Dayjob Studio e….

Alla Prossima Recensione 🙂

Comments

comments